Archive for marzo, 2010

Regionali 2010

martedì, marzo 30th, 2010

Cito direttamente dal Corriere della Sera

«Non intendo cantare vittoria ma neanche accettare una descrizione dei fatti che assomiglia a una sconfitta nostra e del centrosinistra» (Pier Luigi Bersani).

Dopo questa uscita penso che ci siano tre possibilità:

  1. Piace fare il parito di opposizione e vuole arrivare a percentuali della sinistra radicale;
  2. Ha furie di piste di cocaina vive in un mondo tutto suo;
  3. Pensa di essere il segretario del PDL.

Luca

Giovanni Falcone

sabato, marzo 27th, 2010

Gli uomini passano, le idee restano. Restano le loro tensioni morali e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini.

Citazioni Varie

sabato, marzo 20th, 2010

Enzo Biagi: Il bello della democrazia è proprio questo: tutti possono parlare, ma non occorre ascoltare.

Otto von Bismarck: Il miglior consiglio che si possa dare a un giovane deciso a far carriera è formato da tre sole parole: lavorare, lavorare, lavorare.

Citazioni

martedì, marzo 16th, 2010

Anche quando avremo messo a posto tutte le regole, ne mancherà sempre una: quella che dall’interno della sua coscienza fa obbligo a ogni cittadino di regolarsi secondo le regole.

È il bugiardo più sincero che ci sia, è il primo a credere alle proprie menzogne. È questo che lo rende così pericoloso. Non ha nessun pudore. Berlusconi non delude mai: quando ti aspetti che dica una scempiaggine, la dice. Ha l’allergia alla verità, una voluttuaria e voluttuosa propensione alle menzogne. “Chiagne e fotte”, dicono a Napoli dei tipi come lui. E si prepara a farlo per cinque anni.

I nostri uomini politici non fanno che chiederci a ogni scadenza di legislatura un atto di fiducia. Ma qui la fiducia non basta: ci vuole l’atto di fede.

Il bordello è l’unica istituzione italiana dove la competenza è premiata e il merito riconosciuto.

Il regime si realizzerà dopo la vittoria del Polo. La prima cosa che farà Berlusconi sarà di spazzare via l’attuale dirigenza Rai per omologarne le tre reti a quelle sue.

Il sapere e la ragione parlano, l’ignoranza e il torto urlano.

In Italia a fare la dittatura non è tanto il dittatore, quanto la paura degli italiani e una certa smania di avere un padrone da servire. Lo diceva Mussolini: “Come si fa a non diventare padroni di un paese di servitori?”

Io continuo a professarmi uomo di destra: ma la mia destra non ha niente a che fare con quella “patacca” di destra che ci governa.

La servitù, in molti casi, non è una violenza dei padroni, ma una tentazione dei servi.

Questa non è la destra, questo è il manganello. Gli italiani non sanno andare a destra senza finire nel manganello.

Sta arrivando l’uomo della provvidenza. E io, in vita mia, di questi personaggi ne ho già conosciuto uno. Mi è bastato. Per sempre.

Un popolo che ignora il proprio passato non saprà mai nulla del proprio presente.

L’unico consiglio che mi sento di dare – e che regolarmente do – ai giovani è questo: combattete per quello in cui credete. Perderete, come le ho perse io, tutte le battaglie. Ma solo una potrete vincerne. Quella che s’ingaggia ogni mattina, davanti allo specchio.

Tocqueville diceva sempre “è nel sonno della pubblica coscienza che maturano le dittature”.

Direi che Indro Montanelli ne capiva……

GIOVANNI FALCONE

sabato, marzo 13th, 2010
In Sicilia la mafia colpisce i servitori dello Stato che lo Stato non è riuscito a proteggere.
 
Gli uomini passano, le idee restano. Restano le loro tensioni morali e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini.

Giovanni Falcone

sabato, marzo 13th, 2010

In Sicilia la mafia colpisce i servitori dello Stato che lo Stato non è riuscito a proteggere.

Gli uomini passano, le idee restano. Restano le loro tensioni morali e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini.

Citazione

venerdì, marzo 12th, 2010

Non belare insieme al gregge, ma trova sempre il coraggio di dire, e scrivere, quello che pensi.

Indro Montanelli

Citazione

lunedì, marzo 8th, 2010

Oggi la manipolazione dell'informazione è più nascosa e più insidiosa. Sembra paradossale, ma con la censura era più facile. I potenti del mondo oggi usano mezzi più pericolosi per manipolare l'informazione. Basta tagliare la pubblicità a un giornale o nominare un caporedattore comodo per raggiungere i propri scopi.

Ryszard Kapuściński

Citazione

lunedì, marzo 1st, 2010

Le nostre vite finiscono quando taciamo di fronte alle cose davvero importanti (Martin Luther King).