Archive for maggio, 2008

V-Day e Travaglio

martedì, maggio 13th, 2008

Ciao,

 il 25 Aprile sono andato a firmare al v-day2. Questa volta non potevo mancare. Come da previsioni è uscito il solito casino per l’iniziativa. Il fatto che tutti i giornali siano andati contro l’iniziativa, a braccetto con i politici, mi fa dire che Grillo abbia fatto centro. Se tutto il sistema sia andato contro l’iniziativa senza chiedersi il motivo per cui tutta questa gente lo abbia seguito nell’iniziativa vuol dire che chi dovrebbe rappresentarci, i politici, sia chi dovrebbe raccontarci le magagne dei polici, i giornalisti, non capisce un parte del paese.

Questo convincimento è stato rafforzato sabato 10 maggio con le dichiarazioni di Marco Travaglio alla trasmissione di Fazio e tutti sono andati contro. Non perché abbia detto il falso, cosa che sarebbe stato normale, ma perché ha detto affermazioni sul presidente del senato. Se bisogna mettere il bagaglio alle persone, anche Giuliano Ferrara per quanto io sia contro con il 99% delle cose che quest’ultimo dice, solo perché dicono cose vere ma scomode su una delle più alte cariche dello stato è preoccupante. Nel mio mondo ideale un giornalista deve raccontare le magagne di chi si incarica di gestire lo stato.

 

Luca

Post-Elezioni

giovedì, maggio 1st, 2008

Ciao,

 a tre settimane circa dalle elezioni nazionali e una dalle elezioni amministrative si può ben dire che il centro-destra ha fatto quasi il colpo gobbo in Italia. Molti sono rimasti sorpresi dalla sparizione della sinistra radicale nel parlamento italiano. Penso che sia stato scontato il tutto. In due anni di governo l’estrema sinistra italiana oltre che ha mettere i bastoni nelle ruote al governo con i suoi continui no non ha fatto niente, dico niente, per i lavoratori italiani. Siamo al solito problema della sinistra italiana: vogliono fare i duri e puri ma se si vuole andare al governo e portare a casa qualcosa per la propria base elettorale bisogna sporcarsi le mani.

Io quanto lavoratore me ne frega relativamente se Bertinotti è il secondo o terzo parlamentare più ricco d’Italia: entrano in gioco queste cose, e in modo pesante, se non fa niente per me nonostante sia dentro la stanza dei bottoni.

Veltroni avrà le sue colpe ma sicuramente non è colpa sua se la sinistra radicale è sparita, è colpa dei vari Bertinotti, Pecoraio Scanio ecc….

Mi son divertito, veramente, quando Alemanno ha vinto a Roma. Sicuramente una colpa, per me sicuramente la principale, è stata nella persona di Rutelli. Non in quanto in Rutelli in sé, ma nell’aver presentato un candidato che aveva già fatto il sindaco, anche se con discrete prestazioni per la media nazionale, che è stato candidato premier nel 2001, che ha fatto il vice-premier nell’ultima legislatura. Queste sarebbero le facce nuove del PD? Non sarebbe stato meglio presentare un candidato giovane, Sulla quarantina? O comunque una faccia nuova che non aveva ancora avuto le voci della ribalta?

Questi sono i misteri della fede. O meglio i soliti inciuci della politica. Sto giusto ascoltando il concerto del primo Maggio. Con la solita retorica dei cantanti sulle morti nel lavoro. È triste il paese dove la musica, ambiente di puro divertimento, deve intromettersi in ambiti in cui dovrebbero parlare la politica.

Anche questa volte le mie polemiche inutili, visto che poi non mi smuovo per cambiare qualcosa, le ho tirate fuori. Brindando per la fantomatica cordata italiana che sembra essere sfumata giusto giusto dopo le elezioni politiche.

Luca